Bestiario bizzarro

Fermenti, 2017

Bestiario bizzarro

Vogliose di un capo

che decida per loro,

imprudenti le rane

chiesero a Zeus

di dar loro un re.

Purtroppo pessima

si rivelò l'idea,

per cui di re in re

e di male in peggio

andarono le cose.

Finché misero fine

e senza complimenti

ai loro tormenti,

chiappandole golose,

le fameliche bisce.

-----------------------------------------

Stravaccata,

una mucca

al sole

nell'erba alta,

in assenza di treno

da contemplare,

pensosa ruminava

su il latte versato.

------------------------



Un topo vanitoso

si vantava ai quattro venti

e pretendeva

Mi dovete rispetto

anche se sono piccolo,

ché se la mia coda

tirate vi avviso,

lo dico alla mamma,

la quale è grande e grossa,

una vera montagna.

---------------------------------



Che destino crudele

si lamentava,

molto depressa

la trota,

una sera di spleen.

Difficile passare

da eroina maggiore

di quintetto

a figlio minore

di padano.

----------------------------------



Per te una soltanto

mentre io ne ho due,

si vantava il cammello,

dimentico d'un infimo aspetto

del gibboso problema.

Infatti chi si ricorda

dromedario o cammello

dei due,

chi ne ha una

e chi invece due?