Incontri e scontri

Fermenti, 2015

Incontri e scontri

Ma cos'avete tutti

contro i sentimenti

quei fiorellini scarsi

e poco annaffiati che



frettolosi ormai

non più curate

Scarsi mi sa

voi siete



per volerli svellere

dai vostri cupi prati

di cemento

firmato.



---



S'incrocia all'improvviso

la gente

quando non se l'aspetta

quando meno ci pensa



nei luoghi più bizzarri

le ore meno adatte

senza che tornino

in mente i loro nomi



Soltanto dei loro volti

qualche vago ricordo

insieme a frasi fatte

li mette sulla strada.



---



Di tutto

si nasconde

nella capiente botola

chiusa ermeticamente



dove accumuliamo

scaltri e prudenti

al riparo di occhi

e telecamere



putrefatti i cadaveri

delle nostre viltà

meschinità

paure villanie.



---



Come far a scoprire

di tante cose oscure

il come

il perché



mentre ombra nell'anima

subdola sospettosa

trema di qualcosa

forse la paura



fantasma

che a galla

nella notte svegliato

potrebbe ritornare.





















Dall'una all'altra stagione

che ritorna implacabile

di cui poi nell'oblio

sfumano punte acuminate



dall'uno all'altro evento

memorabile

degno d'un suo posto

nel variegato album della storia



fragile si dipana

il filo d'una memoria

sequestrata

prigioniera di troppo verità.



----------------------------------------------------



Mentre dorme qualcuno

vigile qualcun altro

sentinella

rimane



osserva l'orizzonte

segue i movimenti

spia le carovane

in fondo alla pianura


Finché intorpidito

da silenzio attesa

non più avverte l'ombra

che vela il suo sguardo.